Alisea Ing'ia

Da Faerun's Legends.
ali_small.jpg
Ritratto Ingrandito

Descrizione Fisica[modifica sorgente]

Alisea alla vista dimostra sui 18 anni, anche se dal suo modo di parlare gliene si potrebbero dare di piu'.
Ha un corpo nella media per la sua eta' , senza una muscolatura sviluppata ed e' alta all'incirca 160 cm. Ha la pelle liscia, parecchio chiara e non presenta nessuna cicatrice. Le uniche imperfezioni sono qualche neo lungo le braccia.
Tiene i capelli lisci e sempre ben curati, le arrivano a meta' della schiena, e sono neri con riflessi bluastri. Talvolta di profilo gli occhi risultano coperti dai capelli.
La sua voce ha un tono solitamente allegro seppur resti bassa, raramente alza il tono con il suo interlocutore.
Gli occhi son neri e abbastanza grandi, quando e' da sola assumono spesso un' espressione malinconica.
Ha un comportamento generalmente allegro e bendisposto con la gente, un tantino saccente quando viene chiamata in causa la sua preparazione sugli argomenti delle discussioni. Ha movenze e modi piuttosto eleganti e posati, a prima vista potrebbe sembrare di origini nobili.
Solitamente indossa abiti o molto eleganti ed elaborati, oppure semplici e sbarazzini. E' solita portare gioielli di vario tipo.

Storia[modifica sorgente]

Nata a Zhentil Keep da una famiglia di mercanti di spade, in seguito ad un incidente che la ha divisa da sua sorella Awenn ha iniziato a viaggiare nelle terre occidentali con il sacerdote di Shar che è diventato il suo maestro. Una volta cresciuta lo ha abbandonato per rimettersi sulle tracce della sorella maggiore.
E' tornata a vivere per qualche tempo a Zhentil Keep. In quel periodo ha aperto una biblioteca grazie all'aiuto economico dell'allora governatore Alaric Ganondorf. Dopo alcune vicissitudini che l'hanno vista in contrasto con la vicegovernatrice Alyssa Elmwood, e la scomparsa di Alaric durante la guerra dell'Anno delle Lame Ricurve, se ne è andata dalla Città Nera per intraprendere la vita di mercenaria nell'esercito sembiano dei Corvi d'Argento.
Durante il mese di Elesias del 1377 CV, in seguito all'ennesimo tradimento da parte di una persona in cui aveva voluto aver fiducia lascia momentaneamente il campo dei Corvi d'Argento alla ricerca di piu' potere. In questo periodo viaggia da sola abbigliata in malo modo e senza dare confidenza a nessuno, neanche alle persone che reputa amiche.
Dopo qualche mese torna dai sui compagni dei Corvi anche se piu' per non far soffrire loro e per rassegnazione alla realta' che il potere che cerca non riuscira' mai a trovarlo, e nel suo subconscio forse non vuole nemmeno trovarlo.
Muore a meta' del 1377CV, ma viene fatta rialzare come non morta assoggettata al suo uccisore, Clatus. Le sue situazioni continuano a peggiorare fino a sfociare nella guerra diretta contro Zhentil Keep, nella quale partecipa come generale dell'armata di Clatus. La guerra viene persa dai non morti, e Alisea viene guarita da Fzoul Chembryl in persona, e torna cosi' tra i viventi. Il ritorno alla sua vecchia vita pero' si tramuta in un un periodo molto difficile per il peso sulla sua coscienza delle azioni commesse nei mesi di non morte, e accentuato dal ritrovarsi di nuovo in battaglia dopo pochi giorni dall'assedio a Zhentil Keep. Partecipa infatti all'incursione dei Corvi d'Argento nelle Terre di Pietra, seguendo i suoi amici in quella che non riesce a considerare una battaglia che le appartiene. Il suo umore inizia ad essere instabile quasi quotidianamente, alternando momenti allegri ad attimi pervasi di odio oppure di tristezza.
Nello stesso periodo termina la sua relazione con il mezzelfo Garret Moonwhisper, altro evento che la segna profondamente soprattutto perche' conscia di esserne l'unica responsabile.
Dopo qualche mese decide di lasciare definitivamente i Corvi d'Argento pur mantenendo i legami di amicizia con alcuni di loro, e parte alla volta della Costa della Spada abbastanza a malincuore. In seguito a numerosi viaggi lungo la Costa si ferma a Baldur's Gate.
Il terzo mese del 1378CV, dopo aver riincontrato e ucciso il suo maestro, decide di lasciare il Piano Materiale alla volta di quello delle Ombre. Saluta di persona soltanto Elohim, per poi partire. Per alcuni mesi non si hanno sue notizie, finche' non riappare nei pressi di Saerloon. Il ritorno sul Piano Materiale e' inizialmente un po' difficile, ma in pochi giorni si riabitua al vecchio stile di vita e, con una ritrovata voglia di vivere, riprende le sue attivita' mossa da una nuova e rinnovata determinazione.

Gesta[modifica sorgente]



Dicono di Lei...[modifica sorgente]

  • Una ragazza misteriosa, ma è un'utile alleata, forse. - Rei Kingslynn
  • Non c'è dubbio che sia una donna con grandi poteri. Peccato per il carattere forse un pelo permaloso ed incline ai fraintendimenti. - Anthonius Thanton
  • Chi? Forbita? Strana donna, strana donna davvero. - Arkiell
  • Quella donna ha qualcosa di strano... può rivelarsi utile ma non sono mai riuscito a capire da che parte stia.... non perderò di certo il sonno dietro ai suoi squilibri mentali, questo è certo. - Imoden'id Erotaroda
  • Una Ametista perfettamente intagliata, dal colore profondo e le intense vibrazioni. Non sono mai scesa negli abissi della sua anima, l'impetuosa corrente sotterranea deve essere difficile da reggere per quel corpicino fragile e grazioso. Il suo acume meriterebbe molto di più che una branda tra i mercenari sembiani... Decisamente sprecata, ma contenta lei... Ledah
  • Donna sana, bella, e forta; potrebba dara buoni figlia a Kurgas,ma lei no vuola.... peccata! Kurgas
  • Non avrei mai potuto muovere la mia lama contro di lei, ho combatuto al suo fianco, e mi sono sorpreso scoprendo che sarei perfino stato disposto a cadere pur di proteggerla, conosco troppe poche persone che sanno davvero cosa sia la lealtà, me ne stupisco, ma lei è tra quelle. Alaric Ganondorf
  • Affascinante. Intelligente. Misteriosa. Se è vero che tutte le rose hanno le spine, mi domando quali possano essere le sue...- Darkivaron Salas
  • Pochissime persone la conoscono per quello che è realmente e io sono una di quelle. Considerando i nostri attuali rapporti non posso che invidiare chi ignora la sua natura, quanto meno riesce ancora a fare sonni tranquilli...- Misty Whisperchant
  • Mai sono sceso nel profondo del suo animo, forse perchè mai ne ho avuto bisogno, una delle persone su cui so di poter contare, una delle prime persone su cui ho potuto contare e una delle amicizie che spero mai finiranno... Horeness Herald
  • Quando la vidi per la prima volta non ci fu nulla che mi colpi particolarmente, petulante, permalosa, niente di che. Poi durante una lite con uno zhentilar l'ho vista evocare un ragno grande quanto una casa. Un ulteriore conferma di quanto sia stupido e potenzialmente suicida fermarsi alle apparenze. - Laurelion o' Thaliondor
  • Devota in quello che fa.. peccato sia troppo legata ad esso. Ho apprezzato la sua compagnia, e spero in futuro di aver ancora a che fare con lei Aelthas Selur
  • Sempre gentile e pronta ad aiutarmi... è come la madre che non ho mai avuto, devo molto a lei. - Laraethiel Sarahil
  • Ecco una figura che mi fa paura: al pari di me, sembra essere perfettamente conscia delle sue qualità e dei suoi limiti. - Luna
  • Ogni volta che la vedo mi domando come mai sia finita nei Corvi d'Argento, non e' di certo una mercenaria...comunque e' affidabile e rispetta gli impegni che prende.Basta questo per farmela piacere. - Mia Sweetheart
  • Sono due le persone per cui darei la mia vita: una è mia figlia, l'altra mia sorella. E' stata la sola con cui, forse, sia riuscita ad essere qualcosa di simile a quello che sono realmente. Mi manca. - Awenn Ing'ia
  • E' molto misteriosa, la luce non riflette su di lei... - Ezbedia.
  • Visto da dove viene all'inizio non mi fidavo molto di lei. Non mi piaceva nemmeno che frequentasse troppo lo scricciolo. Mi sono dovuto ricredere... in missione si è sempre dimostrata leale e soprattutto utile e preziosa. Una bibliotecaria, mah...- Nomad
  • La considero una grande amica e spesso mi fido ciecamente facendo passare in secondo piano quella parte di lei che non condivido, ma che accetto proprio in nome dell'amicizia che ci lega. Non avrei mai pensato che avrebbe accettato la mia proposta d'arruolamento, quel topo da biblioteca! - Alek Crownguard
  • E' una cara amica a cui posso sempre chiedere consiglio e poi quando le si domanda qualcosa ha sempre la risposta pronta, è come una grande enciclopedia con le gambe e una bella copertina (ha un così buon gusto nel vestire!). - Ariel Witherflower
  • Piu' dico che la amo e piu' mi insulta.. che donna strana che è. E pure, se dicesse anche lei ad alta voce di volermi bene, starebbe sicuramente moooolto meglio. - Jacques Martense
  • Sono davvero poche le persone che rispetto. Lei è tra queste, non solo per ciò che rappresenta, ma soprattutto per quello che è. Non nego di invidiarla... - Elohim Yr'me
  • Il felice ricordo di una ragazza straordinaria. - Garret Moonwhisper
  • Alisea è davvero strana. Penso sia una nobile decaduta, o qualcosa del genere. Alle volte è talmente glaciale a parlare di vita e morte da farmi sentire strana, altre mi parla come se fosse una seconda mamma. Di certo, affido volentieri a lei lamia vita quando serve.-Serina Rose
  • Una donna dal potere enorme. Ma non certo al servizio di una giusta causa. Prima o poi pagherà i crimini commessi nel Cormyr. Paul Greame



Racconti dal Forum Gdr[modifica sorgente]


Contatti[modifica sorgente]

  • ICQ - 99171135
  • MSN - sergiodebiasio@libero.it
  • PM - Cloud83