Amanita

Da Faerun's Legends.



E18Er7Q.jpg




Descrizione Fisica[modifica sorgente]

Molto alta e molto magra, scarsa di balconcino, al punto da appiccicarsi a soprannomi come Spigasecca, Ramazza-da-cucina o Tridente-serpente. Occhi blu d'oltremare, limpidi e sinceri in cui è facile lasciarsi scivolare e nei quali ogni follia si può intuire. La pallida carnagione è spesso sporca e i biondi capelli, che tiene rilegati in una lunga coda, sono spesso tinti dei colori più vari. Di preferenza verde o blu. Ha diverse piccole cicatrici, testimonianza di una vita tra le spine; e molti piccoli tatuaggi sulle braccia e sul torso che raffigurano le cose più disparate, alcuni in devozione di Tymora. Altri osceni, che farebbero arrossire un cadavere. Gli ultimi fatti sono: volto di Raylene Hornraven, l'Impiccato sull'interno coscia sinistro, Tymora arrampicata su una scala a pioli sulla regione pubica fin poco sotto l'ombelico.

Cammina come se seguisse una lenta danza, corre sempre e gesticola. Appare in continua contraddizione. Gentile e timida e pure insolente e volgare. Allampanata e ondivaga eppure saggia e lungimirante. Amorevole e violenta. Oscena eppure arrossisce quando si parla di amore umano. Così come la Signora Sorridente, di cui spesso dice di esser figlia e spesso sorella e qualche volta addirittura amante! E' sempre amichevole e ben disposta verso chi soffre o chiede aiuto; e mai malvagia o vendicativa. Disinteressata al bene materiale segue quello che per lei è il volere della Dea non curandosi delle apparenze o del giudizio altrui. Di primo occhio può apparire almeno strana ma non sgradevole, seppure spesso può esser sciatta o malcurata. Il più delle volte può sembrare che parli a vanvera facendo sfoggio di una retorica azzardata, estrema, o pure poetica. Nonostante tutto risulta amabile. Le piacciono gli scherzi e l'ironia.

Storia[modifica sorgente]

Nata a Waterdeep nel Distretto del Porto ha passato i primi anni di vita nella più libera spensieratezza, sbrigliata e ribelle, vivendo alla giornata assieme a sua madre molto giovane. All'arresto della madre (condannata al massimo della pena per furto, falsificazione di documenti e falsa identità aggravata) lascia la città e comincia a vivere di espedienti. Presta servizio presso il tempio di Tymora in Baldur's Gate per sette anni, dove ebbe modo di capire che lo studio disciplinato non fa per lei. A quindici anni, a seguito di un evento violento che l'ha vista vittima, lascia Baldur's Gate per vivere vagabondando. Girando per le città della Costa della Spada lavora nelle locande apprezzata più per la bellezza che per l'arte. Una serie di circostanze fortunate l'accompagna.

Comincia a fare spettacoli fissi alla Coppa di Rame, nel distretto del porto in Waterdeep. Migliora gli spettacoli leggendo libri di leggende, e allarga il suo raggio d'azione pure nelle città di Baldur's Gate, alla locanda del Canto dell'Elfa, nella città di Suzail, alla locanda de Le Fauci Del Drago e alla taverna di Porta Notturna e infine in Saerloon, dove fa punto fisso al Toro Blu (dove compone le prime ballate) e meno spesso da Crommor.

Ottiene l'uso del Teatro dell'Argine in Zhentil Keep come primattrice. A seguito del successo ottenuto con lo spettacolo "Zhentil Keep dolce casa" e viste le molteplici richieste, studia musica con un maestro di Baldur's Gate e affina le abilità canore. I bambini che per strada la chiamavano strega ora la chiamano l'attrice.

Curiosità[modifica sorgente]

Gesta[modifica sorgente]

♠ prima attrice al teatro dell'Argine in Zhentil Keep per la stagione estiva.

Il suo spettacolo è un misto di satira, ironia e ballate di forte spirito d'amor patrio verso la città che l'ha accolta.


Non tutti sanno che...[modifica sorgente]

Dicono di Lei...[modifica sorgente]

  • Ma cosa!? e io che credevo che fosse magia! invece spara monete dall'ombelico! e ha i capelli verdi! e... e... ed è veramente la ragazza più strana che abbia avuto la fortuna di incontrare – Ixia
  • Una delle persone più simpatiche che abbia mai conosciuto. - Kent Dragonshield
  • Di essere strana, è strana, ma di quello stacco di coscia... avrei tanto voluto veder la fine. - L'Araldo del Chaos
  • Forse la sola persona con cui riesco ad essere totalmente me stessa da quando ho messo piede a Waterdeep. - Raylene Hornraven

Racconti dal forum Gdr[modifica sorgente]

- La Ballata di Virak Duum (canzone popolare)

- La Ballata di Si La Do (canzone popolare, volgare)

- La Ballata di Ixia e Glorin o del piccolo drago rosso (canzone popolare, canzone di gesta)

- La ballata: Zhentil Keep Dolce Casa (canzone popolare, inno, amor patrio)

- L'Oroscopo di Santa Mutanda (recita satirica, comicità)

Contatti[modifica sorgente]