Tribu barbariche Uthgardt

Da Faerun's Legends.
(Reindirizzamento da Bestia del Tuono)

Premessa[modifica sorgente]

uthgard.jpg

Solitamente gli Uthgardt hanno i capelli scuri e gli occhi chiari, parlano un dialetto dell'Illuskan e sono correlati a nordici di Ruathym. Tutte le tribù Uthgardt odiano gli orchi e sono disposte ad allearsi con chiunque contro di loro. Nessun Uthgardt abbatterà mai volontariamente un albero vivo. In genere hanno poco amore per la gente del sud e per i civilizzati. Ogni tribù ha un suo tumolo ancestrale che rincarna la magia e gli spiriti della tribù e un loro nemico rituale. Tutte le tribù odiano Malar vista la costante minaccia del popolo del sangue nero che attacca le tribù e che ne ha eliminate alcune ( vedi orso blu ), disprezzano la tride più Helm in quanto hanno portato via tutti i fedeli del Leone Nero, e odiano Talos e i suoi stretti alleati ( soprattutto Auril ) per aver allontanato l'Alce dal suo culto.

Comportamento Generale[modifica sorgente]

Gli Uthgardt sono le popolazioni barbare discendenti dall'omonimo dio. Queste genti amano cacciare e apprezzano i piaceri del cibo ( soprattutto carne ovviamente ), del bere e del sesso; per questo motivo e per come ricercano la felicità, la società Uthgardt può essere identificata come una società edonista. Pur essendo genti altamente suscetibbili e pericolose amano l'umorismo e sono soliti tra loro scherzare con battute molto pensati che ai più possono sembrare offensive ma che per loro è normale routine. La famiglia e Uthgar ( anche attraverso i totem bestia ) sono sacri, su questi due elementi non amano scherzare e sono disposti a tutto pur di preservarli e onorarli come meritano.La gerarchia famigliare ( e di conseguenza anche la gerarchia della tribù) è a sua volta sacra e nessun Uthgar pensa minimamente di non attenersi ad essa, anche perchè hanno la convizione della sacralità degli antenati e sostengono che il loro compito è portare i valori, la saggezza e le parole dei propi antenati attreverso il loro comportamento e la loro vita, e per ottenere ovviamente ciò devono essere temuti e rispettati. La forza e la battaglia sono tutto, per loro gli uomini dovrebbero cacciare e depredare sui più deboli per fornire cibo alle propie famiglie e alle propie mogli (ovviamente da ciò si deduce che è una società patriarcale dove i compiti delle donne sono stare a casa a curare i figli, cucinare, pulire, ecc...). L'onore è una caratteristica fondamentale della mentalità Uthgardt e per preservarlo vige sempre la regola della forza (essere disonorati viene considerato come aver deluso Uthgar). La magia arcana è una via falsa e malvagia ed affidarsi ad essa porta alla rovina. Per ultima cosa bisogna dire che gli Uthgardt non pregano in templi, ma onorano il loro dio attraverso le battaglie e il loro comportamento.

Precisazioni[modifica sorgente]

A prima vista può sembrare una società molto maschilista ma non è cosi, in loro c'è la convizione che a combattere debbano essere gli uomini per le loro doti fisiche e per il loro ruolo all'interno della famiglia, però esiste qualche elemento femminile ( raro ) che può avere un ruolo diverso da quello della badante di casa. Per esempio: nel villaggio dell'Albero Fantasma la sciamana è una donna ( Hala Spirtwalk) e il consigliere del capotribù (che è anche un rappresentante degli elfi dei boschi, con i quali l'Albero Fantasma è alleato) è una femmina elfica ( Faeniele Eshele ).

Il concetto di onore[modifica sorgente]

Qui ci sarebbe tantissimo da dire, ma cercherò di fare un sunto facendo degli esempi specifici, ad ogni modo bisogna entrare nell'ottica che l'onore paladinesco ha ben poco a che fare con l'onore Uthgardt. Perchè dico questo? Semplicemente perchè la mentalità è totalmente diversa: il più forte soggioga il più debole e lo depreda per prendersi cura dei suoi. Questa frase fa capire il concetto di base, elementi come la pietà sono poco ben visti da queste genti, propio perchè loro stessi non vorrebbero ricerverli ( un nemico che ha pietà per te, è un nemico che ti lascia in vita perchè non ti teme e quindi non ti rispetta ). Per gli Uthgardt l'importante è difendere ciò che per se è importante attraverso la battaglia, i mezzi e i modi ( inteso come colpi scorretti o il nemico disarmato, in quanto sono mancanze del nemico e non inganni del portatore del colpo; discorso diverso per la magia) non sono importanti; è il più forte e quindi il vincitore che aveva la ragione nella disputa. Insomma l'onore per un Uthgardt consiste soprattutto in questi elementi: eliminare chiunque offenda la propia famiglia/tribù o Uthgar, mantenere a qualsiasi costo la parola data( a meno che ovviamente non si cada sotto inganno, in questo caso è l'onore stesso che ti impone di uccidere colui che ti ha ingannato ), difendere la propia gente, mai tirarsi indietro da una sfida o uno scontro, mai abbandonare i propi compagni,non abbandonarsi al suicidio,ecc.

Relazioni con altre classi e razze particolari[modifica sorgente]

Odio smisurato verso gli orchi (e di conseguenza i mezzorchi in quanto figli, in quanto il credo di Uthgar dice che i propri antenati vivono attraverso di te, quindi secondo me anche se il manuale non lo vieta un mezzorco di Uthgar oltre a doversi difendere da tutti i suoi fratelli che tentano di ucciderlo, dovrebbe difendersi anche da se stesso che tenta di uccidersi e si disprezza, insomma un po un macello no). Ottimi rapporti con gli elfi, in quanto in alcune tribù sono parte integrante delle tribù stesse; per non parlare della presenza dei druidi di Silvanus o Mielikki (sia elfi, molto diffusi nella Grande Foresta per esempio, che altre razze ovviamente) per i quali tutti gli Uthgardt provano enorme rispetto vedendo in loro quella saggezza bucolica che fa parte della loro cultura (ricordare che gli Uthgadt non toccano legna da alberi vivi). Per quanto riguarda i maghi si registrano diversi comportamenti, chi se ne tiene semplicemente alla larga o li guarda con sospetto, e chi invece tenta di eliminarli tutti indistintamente. Uthgar è alleato soltanto con Tempus e di conseguenza si posso trovare Uthgardt seguaci di questo dio, mentre è nemico giurato di Malar, di Talos e Auril e disprezza fortemente la Triade e Helm per ( vedi tribù Leone nero).

Totem[modifica sorgente]

Uthgar-symbol.jpg

Di seguito seguirà una descrizione dei totem e delle diverse tribù Uthgardt.

Padre Albero[modifica sorgente]

Dopo moltissimi anni di conflitto con le popolazioni che abitano la Grande Foresta, la tribù dell'Albero Fantasma si è proclamata protrettrice di Padre Abero, da quel momento in poi non ha più avuto problemi con gli abitanti del luogo che rispettano l'enorme quercia secolare. Dopo la distruzione dell'orso blu da parte del Popolo del Sangue Nero, gran parte dei sopravvisuti hanno trovato rifugio nell'albero fantasma che li ha accolti come appartenenti alla tribù.

Orso blu[modifica sorgente]

Tribù distrutta dal popolo del sangue nero, gran parte dei sopravvisuti sono passati all'Albero Fantasma.

Corvo nero[modifica sorgente]

E' la tribù più legata alle tradizioni, non molto socievole con gli stranieri ( anzi, attaccano le carovane a cavallo di giganti corvi neri). Probabilemente è l'unico motivo che impedisce al Grifone di portare un offesiva decisiva alle città del Nord.

Leone nero[modifica sorgente]

Traditori delle tradizioni Uthgardt, si sono stanziati vicino al pozzo sacro di Beorunna. Venerano Helm, Torm, Ilmater e Tyr e hanno abbandonato il culto, indi non può essere più considerata una tribù Uthgardt.

Alce[modifica sorgente]

La tribù dell'alce vaga per la Brughiera sterminata e sulle terre vicine al fiume Dessarin. Sono per lo più banditi e la gran parte di loro ( ma non tutti ) hanno abbandonato Uthgar per passare a venerare Talos e la sua cricca.

Lupo grigio[modifica sorgente]

I membri del Lupo grigio sono licantropi che si trasformano durante le notti di luna piena. Questa maledizione, che loro considerano un dono di Uthgar, passa soltanto una volta abbandonata la tribù e passato un anno dopo l'iniziazione a un diverso totem tribale ( in quanto la maggior parte dei lupi grigi che lasciano la tribù rimangono cmq fedeli a Uthgar e quindi cambiano soltanto totem ).

Pony del cielo[modifica sorgente]

E' la più attiva di tutte le tribù Uthgardt, e a differenza delle altre è devota in modo fanatico a Tempus.

Grande Verme[modifica sorgente]

La tribù prende il nome dall'antica creatura draconica ( e benevola ) che era a capo di essa prima che alcuni avventurieri la uccisero. La tribù ad ogni modo è riuscita a restare in equilibrio grazie ai due capi tribù che la sorreggono con la loro forte autorità e soprattutto alla convizione che il Grande Verme veglia ancora su di loro ( convizione dimostrata dall'apparazione dell'armatura magica fatta con la pelle del Grande Verme fuori dalla tenda dei capi tirbù ).

Bestia del tuono[modifica sorgente]

La più civilizzata di tutte le tribù Uthgardth ( e tenete presente che non hanno idea di cosa sia la coltivazione ), vive vicino la Grande Foresta. La bestia del tuono è un dinosauro gigante che veglia sulla tribù.

Tigre rossa[modifica sorgente]

Piccola tribù di cacciatori vicino al Pozzo di Beorunna, la caccia è il loro maggior vanto da quando l'orso blu è scomparso e la effettuano con dei pugnali di pietra a tre punte chiamati "artigli di tigre".

Grifone[modifica sorgente]

Il Grifone è la tribù più ricca e organizzata, propio perchè è sempre pronta all'inizio di una guerra. A differenza delle altre tribù da il benvenuto agli avventurieri stranieri, propio per apprendere vari trucchi di combattimento da usare con le genti civilizzate. Il capo tribù Kralgar Bonesnapper sogna di distruggere e poi conquistare una città fortificata del nord ( le sue papabili scelte sono: Waterdeep, Nerverwinter o Everlund ) e regnare su di essa incontrastato con la sua orda di barbari; storie raccontano che la sua ambizione è creare un grandissimo impero Uthgardth al nord e tenendo presente che il nido del Grifone è un isediamento grande quanto una piccola città del nord potrebbe anche riuscirci se non fosse che i corvi neri gli si oppongono aggiungendosi al già grosso ostacolo presente per attuare i suoi scopi ( le città del nord ).

Gli Uthgardt e la Magia[modifica sorgente]

Gli Uthgardt, come gli altri barbari da manuale, hanno un pessimo rapporto con la magia istituzionale, quella fatta di maghi, libri, strani esperimenti che hanno portato i loro antenati (Netheril) all'estinzione.

Come da manuale base però non hanno un rapporto così estremo con gli stregoni: essi generalmente discendono da draghi, o creature fatate della foresta, hanno dei poteri e generalmente vengono accettati dalla comunità, seppur i piu' ortodossi potrebbero ugualmente veder del male in questo.

Seppur tollerati, probabilmente non sono delle figure di spicco o vengono tenuti in grande considerazione. In fondo tutti o quasi i ruoli di prestigio spettano a chierici e barbari nelle varie tribù, e l'unica figura di spicco con quella classe, Numa the Speaker, ha anche dei livelli da chierico. Insomma, Uthgar non è offeso dal fatto abbia ereditato poteri da qualche discendenza (ce l'ha con orchi e culti che gli rubano i fedeli, poco importa di chi porta sangue di drago o fato) tanto che questa ha il suo favore, ma probabilmente la sua importanza viene dal fatto di essere chierica.

Comunque sia, gli Uthgar vivono di caccia, sono guerrieri, risolvono le dispute tramite la forza. Uno stregone potranno pure tollerarlo, ma sicuramente verrà considerato poco piu' delle femmine e dai popolani vari.

Saranno inoltre da giocare piuttosto selvaggi, come un Uthgardt normale: quindi mi aspetto che non siano ruolati come il classico stregone fighetto.

Druidi di Uthgar, in se non esistono. Tuttavia in alcune comunità dei druidi di divinità naturali di etnia Uthgar possono esistere e non sono affatto malvisti. Inoltre vedranno bene druidi di Chauntea, ma che venerano la Chauntea madre e femmina alla maniera del mini-pantheon Uthgar. Quindi niente semi e cose simili. Potrebbe sembrare strano, ma non sarebbe l'unica divinità venerata in forme e modi molto diversi in giro per il Faerun.

I maghi, salvo rarissimi casi, sono comunque sia il male: mai un mago Uthgar ha senso se resta nella comunità. Non è uno che nasce con dei poteri, è uno che deliberatamente cerca quel che per i dogmi di uthgar è il male e che gia' in passato ha portato sventura. Può essere, talvolta, che dei maghi guadagnino un certo rispetto, timore o aperta stima, ma sono rarissimi casi, come Alustriel di Silverymoon per l'Albero Fantasma, o il Signore delle Nebbie che tanto aiutò gli Uthgardt, i treant e le creature del bosco nel porre fine all'eresia della tribù dell'Orso Blu e la triste storia di Hellgate's Keep.

Tuttavia, tribù ormai ex Uthgar come i Leone Nero potrebbero ormai vedere i maghi con meno superstizione e problemi, considerando che ormai il Pozzo di Beorunna non è affatto un luogo alieno alla presenza stabile di qualche mago, ed al fatto che i nuovi dei che essi seguono non hanno una visione così negativa della magia in generale.