Jandar Dyernina

Da Faerun's Legends.
jandaravatarcolpic.png
Ritratto Ingrandito

Descrizione Fisica e Caratteriale[modifica sorgente]

Jandar è un giovane Rashemaar di etnia Rashemi di 1,76 metri, dotato di una corporatura tarchiata, robusta e muscolosa.
I lineamenti del viso sono duri, ma attraenti, dipinti da un espressione il più delle volte corrucciata. Ha dei piccoli occhi scuri, un insolita carnagione chiara per una persona delle sue terre, un ispida peluria scura sul petto, sulle braccia e sulle gambe. Porta dei lunghi capelli corvini con 2 spesse trecce che arrivano sino all'addome, ed una barba corta solitamente curata. La voce è roca, e si porta dietro l'accento tipico del Rashemen. Calmo e riflessivo, perde però facilmente la pazienza, diventando aggressivo ed istintivo. Nel complesso è una persona dai modi poco misurati, bonario con gli amici e diffidente con gli sconosciuti.
E’ coraggioso, il più delle volte testardo e ostinato, e ha una visione personale dell'onore. Cammina fiero e sprezzante, vestito sempre con abiti da viaggio o con pelli e pellicce di grossi animali. Inseparabile dalla larga lama ricurva che porta sulla schiena.

Storia[modifica sorgente]

Jandar nacque il 10 Ches del 1359 a Immilmar, nel Rashemen. Figlio di Rashemaar da generazioni, all'età di soli 10 anni iniziò a lavorare in fucina col padre, dopo che la sorella gemella fu portata via dalle Wychlaran per farla diventare un giorno una di loro. A 13 anni iniziò a farsi addestrare da un vecchio amico dei genitori, un Berserker della Loggia del Grande Cervo a riposo. Da lui imparò tutto quello che un guerriero delle sue terre doveva sapere, mentre la madre, che scoprì a quest'età essere una Ethran che non completò mai gli studi, gli insegnò a fondo la religione, gli usi e i costumi del Rashemen, a leggere e a scrivere la lingua Rashemi e quella Comune.
Raggiunti i 20 anni, Jandar lasciò la sua terra per intraprendere il Dajemma. Vagabondò tra la Costa della Spada e le Marche d'Argento, strinse amicizia con alcuni Utghardt e si ritrovò a combattere insieme a loro in diverse occasioni. Conobbe il Custode dei Simulacri Namiir Iltazyara, rincontrò la sorella Shevarra dopo 10 anni, anche lei in Dajemma. Condivise il proprio percorso con altri Rashemaar come lui, iniziò a stringere legami e intraprendere imprese con avventurieri di altri Paesi, che lo portarono a camminare il suolo di svariate terre del Faerùn.

Curiosità[modifica sorgente]

  • Viaggia portandosi dietro una bottiglia di Jhuild originale.
  • In battaglia usa lo stile di combattimento della Loggia del Grande Cervo e della Loggia del Lupo.

Non tutti sanno che...[modifica sorgente]

  • Intorno al mese di Flamerule del 1379, insieme a Tharn ha aiutato Enghel, Krug, Unmaar, Kaleb e altri Uthgardt ad annientare varie tribù orchesche sparse nel Faerùn.
  • Con l’aiuto del Berserker della Loggia del Lupo Gottfrid e della sorella Shevarra, si sottopone ad un rito Rashemaar che gli permise di conoscere cosa si cela nel suo spirito.
  • Insieme a Khalim, Aurin, l’Ethran Niala e Siomir, liberano dalla prigionia di una famiglia di Calimport Shua, mentore e compagno dell’elfa acquatica Elandriel, principessa di un piccolo regno elfico degli abissi.
  • Ha passato 2 notti in carcere a Baldur's Gate per aver denigrato e minacciato un membro del Pugno Fiammante, un certo Wilhelm.
  • Nel mese di Alturiak ha aiutato, insieme ad alcuni Utghardt dell'Albero Fantasma ed altri avventurieri, lo sciamano del Chessenta Yangzuma e la sua tribù con un problema di demoni.
  • Nel mese di Tarsakh del 1380, ha fermato, insieme a Lehenia, Megil, Ayleen, Krug e Gwydre, l'uccisione di unicorni nei pressi del santuario del Fiume dell'Unicorno da parte di mercenari assoldati da un alchimista.
  • Insieme a Luinè e Ayleen ha sgominato un gruppo di Zhentarim nelle Sale Infestate di Eveningstar.
  • Insieme ad Ayleen e Lehenia ha aiutato un vecchio sacerdote di Kelemvor di nome Lowe, contagiato dalla licantropia.

Gesta[modifica sorgente]

  • Nel mese di Hammer del 1380, insieme a Khalim, Aurin, l’Ethran Niala e i Kraken di Zahara, salvano un impero di elfi acquatici da una fine certa, combattendo affianco a loro contro un esercito di sahuagin capeggiati dalla semidivinità Olhydra.
  • A cavallo tra il mese di Hammer e quello di Alturiak del 1380, insieme a Ledah, Siomir, Ruther, Miranda, Daryl, Eylan, e altri avventurieri, ha scacciato il culto di Auril da Baldur's Gate andando nel Piano del Fuoco e chiedendo l’aiuto della fenice Scheggia di Fuoco, sotto richiesta di Lady Alustriel. Ricambiarono il favore alla fenice, liberando la sua compagna Rubino di Sole dalle grinfie di un mago Netherese nell’Anauroch.
  • In una notte del mese di Ches ha comandato, insieme ad Erron Fucerossa, Utghardt, alleati elfi e compagni maestri d’arme contro una legione di non morti atta ad annientare la tribù dell'Albero Fantasma.
  • Ha partecipato alle ultime fasi della difesa di Cittadella Adbar del 1380.
  • Nel mese di Flamerule del 1380, insieme a Lehenia, Ayleen, Luinè e i cavalieri dei Custodi della Sacra Lama Aresef, Eraven e Roland, ha liberato l'Alta Brughiera dalla minaccia dei licantropi di Malar, sconfiggendo il loro Signore del Sangue, cacciandoli nella loro tana.

Racconti dal forum Gdr[modifica sorgente]

Dicono di Lui...[modifica sorgente]

  • Freddo e selvaggio come le terre da cui viene, nonostante ciò sa rivelarsi un ottimo amico e compagno di bevute. Fidatevi di me, non si conosce una persona sin quando non si combatte spalla a spalla con essa! E io ci ho combattuto molte volte! Che il martello di Moradin mi colpisca ora se non ci ho combattuto! *annuisce orgoglioso* - Tharn Stoneshield
  • Jandar è ottimo combattente e guerriero valoroso che non si tira mai indietro, è sempre un piacere combattere al suo fianco. Averne di alleati così... - Krug
  • Possano le stelle essere luce dei suoi viaggi! Il giovane Jandar è un guerriero venuto dall'est impavido come pochi, fiero come un Uthgardt, abile come nessuno. Confido nella sua amicizia, confido nella sua arma! - Enghel
  • Un bestione, da bravo Rashemi qual'è. E' il secondo che ho incontrato della sua specie, e come il primo non ha fatto altro che sputare insulti sul Thay e chi lo governa...gli manca ancora un poco per diventare un guerriero onorevole, il rispetto per gli sconosciuti, ma è giovane, col tempo imparerà. - Amzha Mandhur
  • Quando lo priverò del poco cervello che gli rimane sarà finalmente associabile in tutto e per tutto al cane che è. - Alia Sahn Nerv
  • Spero rammenti sempre Namiir come modello, visto che per adesso più che un onorevole guerriero Rashemi mi sembra un rissaiolo ubriacone seguace del rutto libero. Come un cervo si butta di testa, a capofitto, in tutte le situazioni più spiacevoli e alla fine ci si ritrova sempre impigliato con le corna... - Ledah
  • Mmm...Jandar.. quello che viene dall'est? Non credo durerà molto, si sceglie i nemici con quello che parrebbe un intento suicida ed è sempre fin troppo veloce nel tirar fuori la spada e gettare insulti... Ci ha provato anche con me pensa! Immagino sia colpa delle sue origini, un.. ra-scemo. - Ruther, l'Ammazzadraghi
  • Uh? Jandar? Ah sisi, è un mio amico! E' uno forte e sa menar le mani, gli antenati mi han detto che è un buon guerriero, solo che è troppo basso, sarà per questo che non è pure lui il prescelto *ci pensa un istante e poi annuisce serio* - Ernon
  • E un vero Assassino! Usa la Spada come se fosse un non so cosa! Falcia di qua e falcia di la! Mi ha fatto fare un mucchio di soldi una volta! *sorrisone* - Pulce
  • Jandar è una persona che mi incuriosisce, forse perchè viene da molto lontano, come me. La sua terra deve essere un luogo meraviglioso da visitare, mi piace ascoltarlo quando ne parla. E' anche un guerriero valoroso, sono lieta che le nostre lame si siano sguainate contro nemici comuni, e sono sicura che succederà di nuovo. - Lehenia
  • Fortunatamente non tutti i guerrieri provenienti dal Rashemen sono come lui: ottuso, come pochi orchi...spero che la vicinanza di Enghel riesca a trasformarlo in qualcosa di diverso e più interessante di una semplice e graziata macchina da guerra. - Yelenia Holimion
  • Spero di conoscere meglio Jandar in futuro... In alcune occasioni ho potuto vedere che abbiamo gli stessi interessi e spesso abbiamo a cuore le stesse identiche cose. Lo apprezzo molto, è una persona su cui credo ci si possa affidare ciecamente, però forse lui è un pò troppo "deciso" quando deve convincere qualcuno delle sue ragioni! Cioè.. usare dei fulmini... *ride divertita* - Luinè
  • Sebbene sia un uomo cui affiderei la mia vita in battaglia, direi che al di fuori di essa si comporti eccessivamente da attaccabrighe. Un uomo che considero un amico, per questo lo terrò d'occhio, cercando di evitare si metta nei guai. - Ayleen Aduial
  • Lui non conosce ancora il suo vero valore, ma il mio cuore si. E' Il mio diamante grezzo. - Nimirith Dyerna
  • Non so bene come funzioni la prova chiamata... Dajemma? ma se si tratta di mostrare forza e valore in battaglia, direi che si trova ad un ottimo punto. Finora l'ho visto gettarsi solo su cause giuste, nelle tre-quattro volte in cui abbiamo combattuto assieme. Spero continui così! ...ma che roba contiene quella fiaschetta che si porta sempre appresso? - Aresef Villalobos
  • Non vedo Jandar da un po' di tempo, credo abbia finito il proprio Dajemma e sia tornato nel Rashemen. Mi piacerebbe rivederlo presto, le battaglie che abbiamo combattuto insieme hanno evidenziato quanto la sua devozione a Mystra e il suo cuore sovrastino la sua indole caotica. - Keydon Bredan

Contatti[modifica sorgente]

  • Msn: rocker1987@hotmail.it
  • Skype: echo-jan
  • PM - Echoes