Mykala Do'Kyannon

Da Faerun's Legends.
mikalaavatar.jpg



Descrizione Fisica[modifica sorgente]

Mykala è la primogenita femmina attuale del Casato Do'Kyannon, Somma Sacerdotessa della Dea Ragno, nata circa 200 anni fa. E' alta poco più di un metro e mezzo, ha lunghi capelli bianchi come seta che spesso raccoglie in complicate acconciature. La sua pelle color ebano è morbida come il velluto, gli zigomi alti tipici dei drow mettono in risalto i suoi occhi profondi e penetranti di un particolare colore ambrato, le labbra sono carnose e i denti bianchi e perfetti risaltano a causa del contrasto con la sua carnagione. Ha un aspetto duro e altezzoso ma le sue movenze sono sinuose e la corporatura aggraziata, nonostante appaia meno di fragile rispetto alle altre femmine drow.

Storia[modifica sorgente]

Come molte bambine drow il suo destino era già segnato alla nascita: sarebbe diventata una sacerdotessa della Regina Ragno come le sue sorelle. La Matrona aveva letto in lei qualcosa di speciale, e il suo addestramento fu ancora più duro di quello delle altre: doveva fortificarsi sia nel corpo che nello spirito ed era sottoposta giornalmente a violenze fisiche e psicologiche che misero alla prova la sua resistenza. Mykala imparò così ad ottenere il potere attraverso l'odio, l'assenza di pietà e il sotterfugio: era pronta per lasciare Arach Tinilith e intraprendere la via di distruzione che Loth le chiedeva. Giunta al Casato dopo molti anni di assenza, si ritrovò a dover sostenere il ruolo di primogenita, a causa della morte delle sue sorelle maggiori: la Dea sembrava averle spianato la strada e la giovane drow approfittò subito del suo ruolo per imporre la sua autorità sulle cugine e le altre parenti nobili che ambivano al ruolo di Somme sacerdotesse del Casato. Spontaneamente si fece addestrare dal Maestro d'armi Gondyash, facendo si che la sua mazza pesante diventasse un'arma ancor più letale di quanto potesse essere la sua fidata frusta dalle teste di serpente. Notanto il suo crescente potere e ambizioni, Matrona Vulidiel decise di tenerla il più possibile lontana da se, affidandole sempre più di frequente incarichi e missioni che la portassero al di fuori del Casato. Nonostante avesse compreso i piani della madre, Mykala portò sempre a termine i compiti, approfittandone per creare attorno a se un gruppo che fosse composto dai più valenti maschi del Casato, fondando le Ombre Scarlatte. Per un breve periodo incorre nello sfavore della Dea, riuscendo a mantenersi in vita grazie alle sue capacità e al gruppo di maschi che aveva creato attorno a se: viene sfidata da Matrona Ynshilax e da sua figlia, battendole entrambe. Riottiene poco dopo i suoi poteri clericali, venendo nominata da una Yochlol Somma Sacerdotessa della Dea Ragno e rinnovando il favore di Lolth su tutto il Casato Do'Kyannon.

Curiosità[modifica sorgente]

  • Prova una certa attrazione per il precedente Maestro d'Armi del Casato, Gon'dyash.
  • I serpenti della sua frusta si distinguono tra loro per un particolare disegno presente sulla testa.
  • Il suo simbolo sacro è una grossa ambra all'interno della quale è conservato un ragno nero.

Gesta[modifica sorgente]

  • Riesce a sopravvivere al periodo in cui Lolth la lascia senza poteri, emergendone a testa alta e ottenendo da una Yochlol il titolo di Somma Sacerdotessa della Dea Ragno.
  • Riporta in vita dall'Abisso il famoso mago di sorcere Pharaun Mizzyrim, per assoggettarlo al potere di Quentel Baerne.

Non tutti sanno che...[modifica sorgente]

  • Ha guidato in prima persona l'attacco a due Casati eliminando ogni testimone, seguita dal suo fidato gruppo di soldati, dal fratello Derlimzit e dal maestro d'armi Gon'Dyash
  • Non è particolarmente sensibile alla luce del sole a causa dei suoi sforzi fin dalla giovane età ad abituarsi a sopportare tutte le avversità. Studiava i suoi libri clericali sempre alla luce di candele e appena poteva si avventurava in superficie per conoscere il mondo che è sicura prima o poi ritornerà nelle mani degli elfi scuri.
  • Ha contribuito con profonda riluttanza a spezzare l'assedio dei demoni ai portali di Trailsend, assieme ai "Mascherati", per tenere fede a un patto stupulato dal suo Casato.
  • Ha convinto il Drago Thumberchult a tornare nella sua dimora originaria, stipulando con lui un patto che portasse grande profitto al Casato.
  • Ha creato un gruppo di drow scelti per le loro innate doti, mettendolo al servizio di Matrona Vulidiel, le Ombre Scarlatte, di cui si è posta a capo.
  • Insieme alle Ombre Scarlatte, ha eliminato un gruppo di drider rinnegati e la loro Matriarca oltre ad aver abbattuto il Cervello Antico a capo di una comunità di Flyer nel sottosuolo.
  • Un Illithid le ha impiantato un parassita in grado di vedere attraverso i suoi occhi, che ha faticosamente eliminato con l'aiuto delle Ombre Scarlatte.
  • Ha avvelentato le acque di una città Illithid.
  • Ha personalmente seguito la nascita della Sorellanza Oscura.
  • Insieme ai suoi maschi e alla nipote, occupa e si stabilisce per qualche tempo in un accampamento di Eilistraeliti appropriandosi delle risorse per il proprio Casato.

Dicono di Lei...[modifica sorgente]

  • Dura e severa come poche sacerdotesse, sempre pronta a compiacere la Dea Lloth, la sua frusta è sempre pronta a schioccare sulla schiena di qualche maschio, sia egli un nobile oppure no. - Derlimzyt Do'Kyannon
  • Amo il suo essere così di ghiaccio e l'amerò di più quando questo si scioglierà... - Sfiar Deirdre
  • Tiene bene i Favori della Dea, il ruolo di primogenita ed il comando in assenza della Matrona, nostra madre. C'è solo da aspettare che la secondogenita faccia quel che la nostra natura richiede, e che io abbia abbastanza forze per approfittarne eliminando entrambe.. *sghignazza divertita* - Ssussprina Do'Kyannon
  • Di certo la migliore sacerdotessa al momento e quella che mi tiene in maggiore considerazione, sperò riuscirà a prendere il posto della matrona quanto prima. Di certo sotto la sua guida avremo ottime possibilità di acquistare maggior potere. Pharyld Do'Kyannon
  • Se si ricorderà di me? Me ne frego. Se io mi ricordo di lei? Possibile. Se la prossima volta che c'incontreremo finirà a rissa? Sicuro. Askard Urghrash
  • La mia Signoraa sii.. *tossisce insistentemente* obbediro' a tutti i suoi ordini, uh! *si tocca le ferite lasciate dalla frusta lamentandosi* Xallax
  • La mia signora, fredda e crudele, ma anche forte e ambiziosa, sicuramente verrà il giorno che assassinerà la propria madre e diventerà Matrona. Daral-Zand Do'Kyannon
  • E' stata la mia tutrice in gioventù, e credo diventerà la mia Matrona in futuro...Mykala Do'Kyannon, o semplicemente, mia zia...Shi'nayane Do'Kyannon
  • Una drow tanto bella quanto malvagia, astuta e perfida, potrebbe essere una valida sostituta alla nostra matrona....*la voce è un sibilo* Zephyn Do'Kyannon
  • Possa morire lentamente tra atroci dolori! Che sia maledetta per l'eternità!!! Qos Na'Khirash
  • Quando capirà che valgo molto di più di tutti quelli inutili drow di cui si è circondata? Quando lo farà sarà diventata sufficientemente saggia da poter diventare la matrona madre.Veassen Do'Kyannon
  • Quella sacerdotessa... *meditabondo* forse dovrei.. *sorride all'idea ma si concentra per cancellare il pensiero* dovro' obbedirle finche' avra' il pieno favore ma la vita mi ha insegnato che tutto ha una fine, spesso una fine netta e miserabile! *si inchina al suo cospetto dopo averle lanciato una breve occhiata, il solito vago ghigno stampato in volto* Kazaan Chumavh
  • Conosco molti tipi di ragni ma in generale li si può catalogare in due tipi: quelli in grado di vivere solo con un ragnatela e quelli invece che ne possono fare a meno. Inutile dire che ho più rispetto per i secondi e chissà questa donna a quale tipo apparterrà... - Alia Sahn Nerv
  • La sacerdotessa Mykala? *sorride* Sono stato fortunato a incontrarla, perchè è a lei che devo quello che sono diventato, si è fidata di me e delle mie capacità, nominandomi anche mago del suo casato. Avrà fatto bene? *Ride* D'altronde, ci sono casati che sono più potenti, chissà se servirà un mago a casa Bearne *ride ancora*. Eminus Do'Kyannon
  • E' la mia Signora... Spero si accorga di quanto sia fedele al casato da nominarmi membro di tale. Fino ad allora lavorerò duro per mettermi sempre piu in mostra. Mizar

Racconti dal forum Gdr[modifica sorgente]

Contatti[modifica sorgente]

Utente[modifica sorgente]