Thelian

Da Faerun's Legends.


thelian_portrait2.jpg
Ritratto Ingrandito

Descrizione Fisica[modifica sorgente]

Sui quarant'anni, lto circa un metro e ottanta, dalla figura robusta ma slanciata. La pelle è molto chiara, diafana. Capelli grigio-argentei incorniciano un volto affilato dai lineamenti insolitamente simmetrici per i canoni umani. Incrociando il suo sguardo si è investiti dal contrasto rappresentato dalla diversa sfumatura dei due occhi grigi: il destro, chiaro come il ghiaccio, è freddo ed inespressivo; il sinistro, scuro come il piombo, è velato da una nota malinconica. Dall'angolo sinistro della bocca inizia una cicatrice lunga fino a metà guancia, che ricorda un macabro sorriso. Sui ciascun pettorale vi sono cinque artigliate: partono in alto al centro, per terminare in basso, prima di raggiungere i capezzoli, verso l'esterno. Il lato destro del basso addome ospita due cicatrici da coltello. Alla base della nuca vi è una bruciatura a forma di orma di lupo. Il suo modo di incedere ha un non so che di ferino.

Curiosità[modifica sorgente]

  • Ama masticare radici dagli effetti allucinogeni.
  • Detesta l'apparire anteposto all'essere.
  • Non ama la ricchezza ostentata e l'ipocrisia della vita cittadina.

Gesta[modifica sorgente]

  • Fingendosi il consumato condottiero di una compagnia di mercenari, è riuscito a farsi affidare da un mago rosso dell'Enclave Thayan di Baldur's Gate il compito di scortare una carovana, strappando il lavoro ai Corvi d'Argento rappresentati da Alek Crownguard.
  • Assieme a Venizhar, Aurin e Flameren scongiura l'occupazione delle più alte cariche di Calimport da parte di un'organizzazione di doppelgänger.

Non tutti sanno che...[modifica sorgente]

  • Ha trascorso un'infanzia difficile a causa del suo aspetto bizzarro e delle leggende attorno un avo licantropo.
  • Si è guadagnato da vivere derubando i viaggiatori armato soltanto della sua balestra.
  • Durante il periodo in cui si fingeva un importante mercante di stoffe (con lo pseudonimo di Ian Malvanta), è stato protetto da Lauro quale guardia del corpo.
  • Ha passato un periodo della sua vita a Zhentil Keep assieme al mago Velkar ed al guerriero Imoden.
  • È finito davanti al giudice del tribunale di Waterdeep quale parte lesa in un processo per un'aggressione subita dal delinquente Pak.
  • Grazie alla sacerdotessa di Selune Ayleen Aduial ha conosciuto Lowe, il chierico di Kelemvor affetto dalla licantropia.
  • Ha avuto una relazione con Win; per questo motivo ha ottenuto l'inimicizia del fidanzato Eylan Amblecrown.
  • Nel tentativo di prendere coscienza del Dono di Mystra, è stato indirizzato dallo stregone Venizhar e dalla maga Elerwen.
  • Riconosce come suo maestro e fratello Venizhar Kralizec, a sua volta allievo di Thilgon Meneldor.
  • Ha stretto un rapporto di complice affetto con Delia Vencell, che definisce il suo "Specchio".
  • Ha coronato con il matrimonio la conflittuale storia d'amore con Vivien Vainsoul.
  • È stato condannato alla cella e ad un'ammenda di sessanta monete d'oro per essere entrato, invisibile, all'interno del tribunale di Baldur's Gate mentre era in corso il processo relativo all'aggressione di Delia da parte di Mardian.

Dicono di Lui...[modifica sorgente]

  • Un vanesio... così pieno di sé che il più delle volte non capisce quanto si sta stringendo il cappio attorno al collo. Ma un genuino e affascinato estimatore dell'omicidio. È sempre stato un gran piacere uccidere per lui. - Laurelion o' Thaliondor
  • Una persona davvero singolare che non può non incuriosire chi la incontra, sia per l'aspetto che per l'atteggiamento. Trovo piacevole discorrere con lui seppure abbia la costante impressione che ponga notevoli freni a quello che vorrebbe dire davvero. - Elerwen
  • Biancomanto è come il chiarore di due occhi di lupo che spuntano dall'oscurità studiandoti senza avvicinarsi. Fuggevoli i suoi reali pensieri, continuamente mutevoli le sue facce: giustifica il suo agire con teorie bizzarre quando basterebbe ammettere che è soltanto ubriaco di vita. Vorrei solo vedere più spesso un sorriso autentico su quelle labbra. - Mantodivolpe
  • Se non fosse così pessimista, diverrebbe il numero uno. È sveglio e sa vedere oltre... per questo è parte del mio "Branco". - Venizhar kralizec
  • È piacevole condividere con lui emozioni, viaggi oltre la realtà. È tremendo a volte essere spogliata dai dubbi che pian piano mi costringono a scavar più a fondo di quanto vorrei... A volte penso di sentirlo, altre mi chiedo se sia una nuvola di fumo, di quelle che si dissolvono agitando una mano, per lasciar l'amaro un bocca, e nulla davanti agli occhi. Eppure, non riesco a rinunciare ad averlo vicino... - Delia Vencell
  • Ha un grande pregio: è diretto come un dardo nel parlare, non si nasconde dietro un dito e non si fa problemi a dire quello che pensa. Peccato che per me sia pure il suo più grande difetto... *sospira* Spero non gli provochi problemi la cosa. Gli insegnerò che tenere per sé certi commenti a volte è la cosa più saggia. - Rhaleron Nihylent
  • Il sorriso più dolce, la paura più grande, il ricordo più doloroso. Ho spento la sua luce per accoglierlo tra le mie ombre... ma forse questa notte è troppo scura per lui. - Viv

Racconti dal forum Gdr[modifica sorgente]

  • [1]: Gli argentei petali del fiore della memoria
  • [2]: Le confidenze di un bambino alla luna
  • [3]: Troppe, per esser coincidenze, L'incontro di Nores e Malvanta ed un pensiero ad Amelie La' Hire
  • [4]: Lupo d'argento, Thelian il vagabondo