Vician Tarmikos

Da Faerun's Legends.
tarmikos_statua_colore_copia_wiki.jpg

Descrizione Fisica[modifica sorgente]

Il semmita è un uomo attorno alla cinquantina, capelli bianchi accuratamente raccolti dietro il capo e barba candida tagliata con precisione alla turami, leggermente ingiallita attorno alla bocca. E' piuttosto alto, ha occhi azzurri vivaci e attenti, spesso leggermente truccati sulle palpebre, che risaltano tra le rughe del viso; sulla fronte porta due piccoli segni bianchi uno sopra l'altro. Ha carnagione leggermente olivastra e abbronzata, si presenta elegantemente vestito e cortese nei modi. La sua figura emana un leggero aroma di tabacco e spezie.

Storia[modifica sorgente]

Tarmikos, se interrogato sul suo passato, racconta molto volentieri del suo trascorso da mercante con dovizia di particolari e aneddoti, perdendo spesso il filo del discorso e risultando quasi logorroico, senza nascondere un certo orgoglio per aver raggiunto il livello di ricchezza di cui gode. Nato nel sud della Sembia in una modesta famiglia di pescatori e mercanti, racconta d'essersi trasferito giovane a Marsember, nel Cormyr, quando gli affari di suo padre presero ad andare molto bene. Crescendo nella Città delle Spezie, Vician entrò giovane nel mondo del mercato e ben presto iniziò a gestire personalmente gli affari della famiglia. I suoi viaggi sul Mare Interno lo portarono a commerciare nel Turmish, a Westgate, nel Golfo di Vilhon, a navigare in lungo e in largo sul Mare delle Stelle Cadute. Ereditata la fortuna e i possedimenti di famiglia, il semmita proseguì il commercio di tessuti e spezie fino a quando un caro amico dell'Amn non richiese il suo aiuto economico per la gestione di un importante affare, che spinse Vician a lasciare la guida della famiglia al fratello minore e partire per Athkatla. Dopo aver trascorso qualche anno nella Città della Moneta presso l'amico, i due rimasero vittime di pirati al largo della Costa della Spada e le fortune trasportate sulle navi andarono perdute. Non volendo ancora fare rientro nel Cormyr, Tarmikos decise di proseguire il suo peregrinare e tentare di rifarsi delle perdite subite; raggiunse così Waterdeep, città che lo ha da sempre attratto, cercando rapidamente un modo per entrare in affari. Lo trovò grazie alla figura di Ariel Kehlek presso la Compagnia dello Zaffiro, del quale divenne mercante, portavoce e diplomatico. Affascinato dalle possibilità che la Splendente offre, dall'estate del 1382 il semmita decide di dedicarsi alla politica, ottenendo la carica di Funzionario Cittadino.

Curiosità[modifica sorgente]

Il mercante è conosciuto con vari soprannomi guadagnati durante i suoi commerci sul Mare delle Stelle Cadute, il Dragomare e il Golfo di Vilhon, tra i quali "il semmita" (modo per dire "sembiano" nel sud del paese), "barbabianca", "el sahin" e "thaebra sakal" (la thaebra è una pasta azzurra utilizzata con altri impasti per creare coloranti, molto commerciata sul Mare Interno che se se utilizzata in buone quantità sui capelli è in grado di sbiancarli completamente).

Dicono di Lui[modifica sorgente]

  • Devo dire che questo Semmita mi intrigò fin dal primo giorno che lo conobbi. E' molto garbato e galante,ma a volte la sua pacatezza quasi mi inquieta. Spero che riuscirà a portare ulteriore prestigio allo Zaffiro,infondo è il suo lavoro *Sorride benevola* - Angelique Dragonlight